Un 25 Aprile dignitoso

Da qualche parte c’è un sentiero, che ormai conosciamo bene e che una volta ci ha fatto incontrare due giovani italiani, belli e sorridenti, due giovani degli anni ’40 del ‘900. Quel sentiero ci piace perché non è monotono e perché, alla fine, conduce a un piccolo cimitero di montagna. Non mi ricordo quando è stato il nostro primo 25 Aprile celebrato in questo modo, semplicemente camminando, facendo trekking, attraverso un largo sentiero che poi si fa più impegnativo e che è attraversato da almeno tre piccoli ruscelli. In ogni modo oggi possiamo dire che è diventata una “nostra tradizione”. La primavera in montagna non è ancora arrivata e, questa mattina, mentre camminavamo pioveva ma non aveva importanza; siamo riusciti a mettere insieme anche due piccoli mazzi di fiori, vincendo sull’iniziale imbarazzo poiché non siamo abituati a raccoglierli. Però, per Elio e Floris, una volta l’anno facciamo un’eccezione!

Quest’anno l’attesa del 25 Aprile mi dava un senso di ansia e tristezza, l’anno scorso è stato imbarazzante, quest’anno vergognoso. Il revisionismo storico sembra che abbia vinto, le bandiere di uno stato con marcate nostalgie naziste sono diventate degne di essere sventolate nelle piazze d’Italia, nel giorno in cui si ricorda l’Anniversario della Liberazione dal Nazifascismo. Questa celebrazione, per tanto tempo considerata una vera e propria festa, oggi proprio oggi 25 Aprile 2022 assume delle sfumature sinistre, preoccupanti e molto tristi.

Il (vergognoso) nazismo anti Russo ora vuol dire stare dalla parte giusta sicché, indossata una mascherina realizzata con derivati del petrolio, si scende per strada e si festeggia la Liberazione sventolando bandiere della pace accanto alle bandiere della Nato, bandiere rosse e bandiere giallo-blu insieme agli stendardi dell’Associazione Nazionale dei Partigiani d’Italia. E allora non è solo perché non vogliamo, ma proprio non possiamo assistere a questo doloroso scempio, così ancora più motivati si sale in montagna, sotto la pioggia, tra fango e pietre, muschi vellutati e ruscelli dalle acque limpide, e poi qualche timido fiorellino giallo, molti bianchi, uno viola bellissimo che non abbiamo avuto il cuore di raccogliere. Camminiamo finché, tra le chiome degli alberi, appare il cimitero, dove sciogliamo il nodo che chiude il cancello e entriamo, in silenzio.

Eccoli, dopo un anno, i due partigiani che ogni volta mi sembrano più giovani, più bambini, sempre sorridenti, sempre con lo sguardo luminoso, pieno di speranze nonostante tutto. Quanto avranno fantasticato e desiderato il giorno in cui avrebbero potuto festeggiare la Liberazione della loro Patria? Mettiamo i due mazzolini di fiori selvatici tra le mani dei due angeli che fanno compagnia al ricordo di questi giovani partigiani.

Continua a leggere

Glam Trekking (parte prima)

INTRO

Tra Pescia e Piteglio
Autunno – Sul confine tra i comuni di Pescia e Piteglio

La prima parte di un serie di guide semi-serie iniziata su Ko-Fi, un po’ diario di viaggio, un po’ pavoneggiamento fotografico e un po’ attività sportiva con merenda.

Il Glam Trekking, un’esigenza nata in me spontaneamente tra una crisi d’astinenza da servizi di moda su riviste, poiché  “non ci sono più le riviste di moda di una volta”, e una crisi di nervi classica (sono grassa, devo fare sport, non posso fare sport, mi vesto come un uomo, ho bisogno di mettermi una gonna, sono stufa di andare a guardare la mia “F” sulla carta d’identità per ricordarmi cosa sono, ecc. ecc.).

Perché, è la verità, a un certo punto è diventato impossibile semplicemente fare cose. Soprattutto frequentare luoghi al chiuso, svolgere attività ricreative e, in poco, tempo anche la città per me ha perso completamente di attrattiva. I miei bisogni primari erano: poca umanità, molta aria buona, poca spesa e, soprattutto molta resa, con tutto quello che c’era e c’è da compensare!

Così una delle attività sportive che preferivo, ovvero camminare, fare trekking per boschi e campagne, è diventata l’unica possibile e a portata di mano o di bacchetta. Un’attività sostenibile e di cui non ho motivo di lamentarmi, eppure… Se tornate con lo sguardo qualche riga più in alto potete leggere la parola “crisi” e, solitamente le crisi scaturiscono da qualche mancanza.

Cosa fare di tutti quei vestiti (vabbè, ora non immaginate cose tipo il guardaroba della Ferragni, la Grande Madre me ne scampi!) nell’armadio? Sì, la febbre del consumismo ha infettato anche me, i negozi anzi le catene a basso prezzo hanno fatto il resto, inoltre questi vestiti non ne vogliono sapere di usurarsi, rompersi o smettere di piacermi. Quindi buttarli? Non ci penso nemmeno, non mi concederò mai così tanto al Capitalismo! Certo, ci sono le festine domestiche del sabato sera o, molto più spesso, della domenica sera: quelle in cui si fa scorta di endorfine con abbigliamento eccentrico, cocktail, tacchi e tanta, tanta musica che mi piace, e dove soprattutto mi strappo di dosso dolori e malumori; per poi poter affrontare con un po’ più di leggerezza la settimana a venire che, non mancherà di essere un contenitore di disagi e motivi per cui avercela un po’ con il mondo e la società, che ti spinge ai lati con una certa arroganza, e tanto menefreghismo. Ma…

Oltre ai vestiti da dancefloor c’è anche altro. Ed ecco che mi viene in aiuto il trekking, anzi una sua pericolosissima variante: il Glam Trekking!

Ricapitoliamo: ho un bisogno disperato di uscire dall’abbigliamento tecnico. Maglioncini, felponi, pantaloni “mi raccomando comodi”, calzettoni tecnici, scarponcini da trekking; ovviamente, tutto giustissimo e va benissimo per soddisfare le voglie di camminare, camminare, camminare e guardare lontano, oltre l’orizzonte, nel cuore dei boschi, alla fine del sentiero o lassù, in alto, dove vola la poiana ma, qualche volta, c’è il bisogno di guardarsi dentro e poi allo specchio. In qualche modo ritrarsi e intravedersi per come si vorrebbe essere idealmente, consolarsi, non aver più bisogno della “F” della carta d’identità e, soprattutto un pochino illudersi, lontano da occhi indiscreti, andare a caccia di endorfine anche là fuori, alla luce del sole o sotto una pioggia all’inglese. E soprattutto c’è bisogno di frivolezza per equilibrare i tempi duri che siamo costretti a vivere nostro malgrado.

Ingredienti necessari: un luogo immerso nella Natura, in cui si può camminare magari a lungo ma con una difficoltà medio facile; possibilmente un posto già conosciuto e esplorato, di cui si conosce il percorso. In inverno sotto a un abito femminile si possono indossare tranquillamente indumenti tecnici e, soprattutto termici. Una zaino è concesso, e dovrà contenere abbondanti scorte idriche, macchina fotografica con batteria carica e rossetto per il necessario ritocco, dopo il pic-cin. Il cestino della merenda va nello zaino, molto più tecnico, di Lui.

Prima di partire magari fate un po’ streching! Io seguo da anni La Scimmia Yoga per fare esercizio di stretching e riscaldamento.

E ora, qui di seguito qualche esempio di luoghi adatti, alle Glam-Trekker! Buona passeggiata!

Leggi tutto “Glam Trekking (parte prima)”